23331
post-template-default,single,single-post,postid-23331,single-format-standard,theme-stockholm,qi-blocks-1.2.6,qodef-gutenberg--no-touch,qode-social-login-1.1.3,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-2.4,woocommerce-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.6.7,qodef-back-to-top--enabled,,qode-essential-addons-1.5.3,select-theme-ver-9.6,ajax_fade,page_not_loaded,qode_menu_,qode-single-product-thumbs-below,wpb-js-composer js-comp-ver-7.3,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-23401

UN MOMENTO DI FESTA CON I NOSTRI BAMBINI

Domani comincerà il Ramadan, il periodo dell’anno più sacro per la fede islamica. Sarà un mese di preghiera, digiuno, meditazione e festa, soprattutto per i bambini, che aspettano il Ramadan per vivere la comunità e le antiche tradizioni. Dall’alba al tramonto gli adulti devono rispettare il digiuno, ma al calar del sole le famiglie si riuniscono per l’iftar, la cena da condividere con amici e parenti.

Le case e le strade si riempiono di voci, racconti, musica e allegria!

Quest’anno, purtroppo, molti dei nostri amici siriani non potranno vivere il Ramadan con la pace nel cuore, perchè il terremoto del 6 febbraio scorso ha lasciato le famiglie in totale povertà. Anche quei pochi che avevano un lavoro modesto lo hanno perso, e la vita per un rifugiato siriano nelle città turche di confine è diventata ancor più drammatica. I bambini sono costretti a trascorrere le giornate raccogliendo plastica e rottami da rivendere per una manciata di misere lire turche (i più fortunati guadagnano l’equivalente di 5 euro al giorno) per la famiglia e tanti smettono di andare a scuola per avere più tempo e lavorare di più.

Pensate: bambini di nemmeno 10 anni che non vanno più a scuola per rovistare tra rifiuti e macerie, rischiando di farsi male… per meno di 5 euro al giorno!

Joy non può permettere che questo accada e perciò abbiamo deciso di lanciare una nuova campagna di aiuti, subito dopo quella dell’emergenza terremoto, per sostenere le famiglie dei profughi in un periodo speciale e per loro benedetto.

Il nostro presidente è partito per Kilis dove ha avviato personalmente la distribuzione di altri 7000 euro di buoni spesa e, successivamente, è stato in visita nella città di Karamanmaras, epicentro del terribile sisma, dove ha consegnato 100 scatoloni pieni di cibo ad altrettante famiglie di sfollati insieme ad Alì, Lino e gli inseparabili amici di Salaheddini Eyyubi Yardım Derneği جمعية صلاح الدين الأيوبي الخيرية

Grazie alle Vostre donazioni raccolte nelle ultime settimane, a centinaia di bambini di Joy non mancherà lo spirito di speranza che danzerà insieme agli aromi di spezie e ai profumi delle zuppe, delle verdure e del pane appena sfornato dalle mamme!

Per sostenere la popolazione di rifugiati a Kilis potete farlo così:

Con una donazione liberale con

CARTA DI CREDITO o PAYPAL Con una donazione liberale con CARTA DI CREDITO o PAYPAL cliccando questo link:

https://www.paypal.com/donate/?hosted_button_id=TFXXC7QFM495U

CON BONIFICO BANCARIO ALLE SEGUENTI COORDINATE:

JOY FOR CHILDREN

IBAN IT20J0891382210000000400745

con la causale: “Donazione per terremoto Kilis” o “Donazione liberale”